ATTENZIONE! Questo sito utilizza solo "cookies tecnici" per l'ottimizzazione della navigazione e non traccia o raccoglie dati di utenti e visitatori.
La continuazione della navigazione, anche senza accettazione, comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookies.

Dialogo intereligioso sull'esperienza di Colle

 

«La Chiesa cattolica fiorentina dimostra con i fatti di rispettare la libertà religiosa e di promuovere la libertà di culto». Lo ha ribadito il 14 dicembre il cardinal di Firenze Giuseppe Betori che ha annunciato la firma di un protocollo d’intesa tra il Comune di Sesto Fiorentino, la diocesi stessa, l’Università e l’Associazione per la Moschea di Firenze per la realizzazione di una moschea nel territorio di Sesto Fiorentino, su un terreno attualmente di proprietà della diocesi, che sarà venduto alla Comunità islamica.

Allo stesso tempo, la diocesi otterrà, sempre a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell’Università nell’area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare a sua volta un centro religioso. In un comunicato congiunto, i quattro soggetti interessati hanno spiegato che il protocollo sarà firmato il 22 dicembre dopo l’esame da parte dei rispettivi organi competenti e che l’accordo «nasce dalla ricerca da parte dei fedeli musulmani di Sesto Fiorentino di un luogo adeguato e dignitoso dove esercitare il proprio culto, e dalla volontà del Comune di Sesto Fiorentino di dare una risposta a questa esigenza, tutelando il diritto di ogni comunità a professare liberamente la propria fede religiosa come sancito anche dalla Costituzione».

Per il terreno individuato il regolamento urbanistico prevede già la realizzazione di edifici per il culto e le attività a carattere religioso. Mentre per l’area che l’Università cederà all’Arcidiocesi «il Comune di Sesto Fiorentino si impegna ad apportare le necessarie modifiche agli strumenti urbanistici affinché possano esservi realizzati fabbricati per attività religiose». Sul piano tecnico cessione e acquisti dei terreni avverranno attraverso scritture private stipulate a margine del protocollo dalle varie parti e nessun onere sarà a carico del Comune di Sesto Fiorentino. A parte le questioni tecniche, «l’Arcidiocesi – ha detto ancora Betori – è stata lieta di poter venire incontro a una richiesta che è venuta dal Comune di Sesto Fiorentino».
Mentre l’operazione «si inscrive all’interno di una convinta condivisione dei principi di libertà religiosa promossi dal Concilio Vaticano II che includono anche la libertà di culto. Non si possono fare affermazioni se non si dà concretezza ad esse. È una posizione mia personale – ha spiegato l’arcivescovo di Firenze – ma prima ancora è una posizione della Chiesa cattolica sulla scia del Concilio Vaticano II». Soddisfatto della soluzione si è detto anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha sottolineato come «l’area di Sesto Fiorentino sia posta al centro della città metropolitana e per questo adatta a rispondere alle esigenze di una comunità ormai numerosa e distribuita su tutto il territorio provinciale».

Su di questa tema la città di Colle ha molte cose da dire, nel bene e nel male, e quindi ci sembra importante riportare all'interno di questo articolo la registrazione originale del dibattito che ha avuto luogo su Radio Rai 1, all'interno della trasmissione mattutina di "Radio anch'io" svoltasi il 20 dicembre, in diretta proprio da Firenze e consultabile accedendo al canale Youtube di Società e Politica riportato all'inizio di questo articolo. 
All'interno della trasmissione come si noterà non sono mancati i riferimenti diretti all'esperienza di Colle.

0
0
0
s2sdefault