ATTENZIONE! Questo sito utilizza solo "cookies tecnici" per l'ottimizzazione della navigazione e non traccia o raccoglie dati di utenti e visitatori.
La continuazione della navigazione, anche senza accettazione, comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookies.

Teatro visto per voi

Il teatro come forma di conoscenza di se stessi e del mondo.
Il teatro come pensiero positivo per vivere meglio...

 

Teatro  

Titolo: Costruire è facile ?
Autore: Duo Batignani&Faloppa
Interpreti: Duo Batignani&Faloppa
Ve lo ricordate l'arrotino? Era quell'uomo che con il suo camioncino bianco con un megafono piantato sopra, passava sotto casa ripetendo il mantra: “donne!!!! è arrivato l'arrotino...”
Io ricordo che spesso veniva d'estate, nei pomeriggi noiosi e soleggiati, il suo lavoro era quello di riparare le cose, ovviamente non tutto. Affilava coltelli, ricuciva ombrelli, inchiodava, avvitava, incollava, saldava perchè una volta si dava più valore agli oggetti. Oggi invece preferiamo comprarne di nuovi. Il duo Batignani&Faloppa non sono degli arrotini ma per la costruzione del loro ultimo spettacolo hanno deciso di usare quella stessa filosofia di recupero.
Il progetto è molto particolare, la ricerca e la creazione dello spettacolo sta avendo luogo nelle piazze delle città, com'è accaduto a Maggio a Colle di Val d'Elsa supportati dall'associazione DODO. Si sposteranno anche a Firenze, Bologna e a Napoli dove si concluderà il tutto nella primavera del 2017.
La volontà di “creare” nelle piazze, e non nelle sale prove dei teatri, è fontamentale e sta alla base di tutta l'indagine. Loro allestiscono un confortevole angolo della piazza, come fosse un salottino, con materiali di riciclo, dove un cartone tagliato in modo astuto diventa un tavolo, e un pezzo di moquette, con un collage di cartoline sopra, si trasforma in un oggetto prezioso che temi di sciupare camminandoci sopra. Una cassa attaccata ad un mp3 intona una insolita playlist di canzoni italiane retrò alternate a brani elettronici più recenti, mentre un cartello, anch'esso riciclato, recita la scritta:
“ Laboratorio artigianale itinerante  OSIAMO RIPARARE manufatti, sentimenti, persone”
Il sistema delle prove in piazza crea un contatto diretto con le persone. Inoltre la compagnia invita il cittadino curioso a portare con loro oggetti da riparare, oppure ad uno scambio di opinioni e pensieri.
Che valore diamo alla parola costruire? Cosa significa? Le nostre case sono piene di oggetti, alcuni inutili altri preziosi, rotti magari ma che non riusciamo a buttare via. La persona che decide di portare quell'oggetto a cui tiene, porta con se un ricordo, una storia, dei sentimenti. Ecco che l'oggetto diventa un ponte, un demiurgo capace di far rivivere il passato nel presente.
Lo spettacolo vero è proprio un atto costruttivo e viene proposto nei teatri con agibilità sul palco per 20 spettatori alla volta , e in spazi alternativi come giardini, piazze o corti. Ci sono piccole variazioni da spettacolo a spettacolo e la compagnia prima della messa in scena trascorrerà 3 giorni nella città ospitante, spostandosi nei luoghi più frequentati alla ricerca di storie ed oggetti da riparare che influenzano lo spettacolo modificandolo e rendendolo unico, fatto su misura per quella città. Durante la messa in scena lo spettatore assiste anche ad una sorta di documentario di tutto il percorso. Una dimostrazione questa, che non è l'indagine a produrre lo spettacolo, ma è l'indagine stessa ad esserlo.
E come accadeva in un famoso film, dove il vento del nord cambiava il destino delle protagoniste, il duo Batignani&Faloppa con il loro spettacolo saluta la comunità ospitante, facendo poi rotta verso nuovi luoghi con altri oggetti da riparare e altre storie da raccontare.

0
0
0
s2sdefault